logo_puffinus

Anche Geo & Geo parla del progetto

Questo pomeriggio su Rai3, nella puntata di Geo & Geo a partire dalle ore 17:00, Paolo Sposimo della Nemo, beneficiario associato, parlerà anche del progetto Life Puffinus Tavolara e delle azioni realizzate nelle aree protette italiane per contrastare le specie aliene invasive.

Prima conferenza regionale delle aree protette della Sardegna

Anche l’Area Marina Protetta di Tavolara, il 10 dicembre scorso,  ha partecipato alla prima conferenza regionale delle aree protette della Sardegna, presentando il progetto Life Puffinus Tavolara come esempio di un’azione efficace di tutela ambientale all’interno di un’area protetta. I lavori della conferenza si sono conclusi con la firma del  protocollo della Rete delle Aree naturali protette della Sardegna, pensato e promosso dall’Assessorato regionale dell’Ambiente.

 

Il quotidiano La Repubblica racconta del progetto Life Puffinus Tavolara

Il quotidiano La Repubblica, riprende la notizia del successo del progetto Life Puffinus Tavolara e della ricomparsa del mustiolo sull’isola di Tavolara.

Island conservation racconta delle berte di Tavolara

I risultati del progetto Life Puffinus Tavolara sono stati condivisi sul sito di  Island Conservation, ONG che si occupa di conservazione delle isole ed in particolare della lotta alle specie aliene invasive.

Conservation Intervention Gives the Yelkouan Shearwater a Chance to Thrive on Tavolara Island, Italy

Senza i ratti ricompare a Tavolara il più piccolo mammifero del mondo!

Il mustiolo (Suncus etruscus) è una delle due specie di mammiferi più piccole del mondo: da adulto può arrivare ai 3 grammi di peso, circa 1/10 di un topolino domestico! Ha una distribuzione ampia che comprende tutta l’area mediterranea, oltre a parte dell’Africa e dell’Asia; è però una specie molto elusiva e difficile da catturare con i normali trappolaggi per micromammiferi, per cui la sua presenza, a livello locale, passa facilmente inosservata. In Sardegna, dove sembra essere arrivato nell’antichità al seguito dell’uomo, è ampiamente diffuso e segnalato anche all’Asinara.

A Tavolara numerosi resti ossei erano stati osservati da un ricercatore negli anni ’60 del Novecento, ma da allora non era stato più segnalato. Nelle indagini svolte prima dell’eradicazione, nonostante i molti tentativi, non era mai stato catturato.  Sapevamo però che era presente dal ritrovamento di un vecchio cranio e poi di un esemplare trovato morto.

Lo scorso anno, immediatamente dopo la distribuzione delle esche rodenticide, abbiamo tentato di ottenere informazioni sulla sua frequenza con 30 trappole appositamente studiate per catturarlo, tenute in funzione per 5 notti, ma di nuovo senza esito.

La settimana scorsa, esattamente un anno dopo il primo tentativo e l’eradicazione dei ratti, abbiamo ripetuto il trappolaggio, catturando stavolta 2 esemplari, che per quanto ne sappiamo sono i primi mustioli di Tavolara osservati in vita.

Data la difficoltà di cattura di questa specie, due esemplari non sono pochi e sembrano testimoniare proprio ciò che ci si attendeva: l’impatto dei ratti non si limita agli uccelli marini, e con la loro eradicazione abbiamo favorito anche questi piccolissimi mammiferi.

Una fioritura sorprendente

Durante le attività di controllo della presenza di nuove piante di Carpobrotus nelle aree di Tavolara in cui la pianta è stata eradicata, abbiamo rilevato una splendida fioritura della specie di interesse comunitario Rouja polygama. Sia l’assenza delle capre dall’area di Spalmatore di terra che la contemporanea eradicazione del Carpobrotus, sembrano avere favorito questa pianta. Un risultato importante che merita di essere condiviso!

Concluse le operazioni di eradicazione del Carpobrotus da Tavolara

Nella giornata di oggi, lunedi 15 ottobre 2018, si sono conclusi gli interventi di eradicazione del Carpobrotus previsti dal progetto. L’area di Spalmatore di Terra è stata attentamente controllata per verificare la presenza di ricacci e nuove plantule che sono state prontamente estirpate. Nell’area oggetto degli interventi, la vegetazione ha ripreso a crescere rigogliosa.

Il progetto Life Puffinus Tavolara raccontato in un video

Il progetto Life Puffinus Tavolara volge al termine. Di seguito le suggestive immagini che raccontano cosa è stato fatto in questi anni:

Concluso il convegno finale del progetto

Concluso con l’escursione a Tavolara, il convegno finale del progetto Life Puffinus Tavolara: un’occasione importante per comunicare i risultati del progetto e per condividere esperienze.

La presenza di Gregg Howald di Island Conservation e de gli altri relatori ha consentito un confronto interessante e ricco di spunti per inserire il progetto che si sta concludendo nel più ampio quadro nazionale ed internazionale.

Convegno Finale

Arrivati alla fase conclusiva del progetto, vi invitiamo a partecipare all’incontro che illustrerà quanto realizzato in questi anni e offrirà un momento di scambio e confronto con altri progetti Life nazionali e regionali.

L’appuntamento è per venerdì 5 ottobre alle ore 9.30 presso il Museo Archeologico di Olbia. Nella locandina il programma completo dell’iniziativa.

puffinus