logo_puffinus

Monitoraggio

Un’accurata analisi dei benefici ottenuti, misurati su una serie di specie e habitat target, così come una dettagliata indagine sugli effetti indesiderati, appaiono indispensabili per valutare i risultati di conservazione rispetto ai costi sostenuti, sia economici che ambientali. Indagini di questo tipo sono state condotte in modo molto approfondito nell’ambito di operazioni analoghe (ad es. in nuova Zelanda e negli USA), ma il caso di Tavolara dovrà essere in ogni caso esaminato in mood più approfondito possibile, in quanto di grandissima importanza a livello mediterraneo. Saranno quindi monitorate specie animali che possono essere influenzate, positivamente o negativamente, dall’intervento di eradicazione del ratto nero: oltre alla berta minore, target “diretto” dell’intervento, saranno periodicamente conteggiati tutti i rapaci diurni, corvo imperiale Corvus corax, pernice sarda Alectoris barbara, gabbiano reale Larus michahellis (entrambe potenzialmente a rischio di avvelenamento diretto), tarantolino Euleptes europaea. Sia prima che durante e dopo l’operazione saranno inoltre monitorate alcune specie di pesci marini, secondo i protocolli già adottati nei precedenti monitoraggi svolti dall’Area Marina Protetta.