logo_puffinus

SPECIE TARGET – Interventi di conservazione

Linaria flava (Poir.) Desf. subsp. sardoa (Sommier) A. Terrac.


costa-riserva-amrina-tavolara
Famiglia: Scrophulariaceae
Nome Scientifico: Linaria flava (Poir.) Desf. subsp. sardoa (Sommier) A. Terrac
Sinonimi: Linaria flava Moris, Linaria flava (Poiret) Desf. var. sardoa (Sommier) Fiori, Linaria corsica Sommier, Linaria corsica Sommier ex Fiori, Linaria flava (Poiret) Desf. var. corsica (Sommier) Fiori, Linaria flava Desf. subsp. sardoa (Sommier) Arrigoni.
Nome comune: Linaria sardo-corsa
Nome inglese: -
Breve descrizione: È una pianta erbacea annuale, glabra e glauca con una radice principale a fittone e fusti da prostrati a prostrato-ascendenti, ramificati alla base. Le foglie sono intere, da ovali a strettamente lanceolate. I fiori presentano un calice a 5 sepali e corolla gialla con venature porporine alla fauce, con sperone dritto, acuto all’apice. Il frutto è una cassula. I semi sono neri, subellittici e alveolati (Arrigoni, 1980; Bacchetta, 2001).
Biologia ed ecologia: subsp. sardoa fiorisce da fine febbraio sino alla prima metà di maggio e fruttifica tra fine marzo e giugno. La biologia riproduttiva non è stata ancora indagata e non si hanno informazioni sull’impollinazione, sull’effettiva capacità germinativa. È una specie psammofila; si rinviene infatti prevalentemente su sabbie costiere in pratelli effimeri, dal livello del mare fino a circa 200 m di quota, a fioritura tardo-primaverile, che dissecano completamente nella tarda primavera e nell’estate
Status in Sardegna: Endemica della Sardegna e della Corsica. In Sardegna è attualmente segnalata in 28 stazioni distribuite lungo buona parte del perimetro costiero (Bagella, 1985; Bacchetta & Pontecorvo, 2005; Bacchetta, 2006; Bocchieri & Iiriti, 2007; De Martis & Mulas, 2008; Filigheddu et al., 2011). Recentemente la specie è stata rinvenuta in aree interne del nord Sardegna presso il Lago Coghinas (Pinna et al., 2012).
Habitat in Sardegna: Linaria flava subsp. sardoa si associa con altre specie annuali quali Malcolmia ramosissima, Tuberaria praecox, Polycarpopon tetraphyllum subsp. alsinifolium, Silene nummica, talvolta arricchite da entità endemiche). Definisce l’associazione descritta per la Sardegna meridionale Malcolmio-Linarietum sardoae (Bartolo et al., 1992) che ricade nell’Habitat comunitario 2230: “Dune con prati dei Malcolmietalia”, ai sensi della Dir. 43/92/CEE “Habitat”.
Note generali: La specie è inserita nell’Allegato II della Dir. 43/92/CEE “Habitat” ed è considerata minacciata (EN) a livello globale secondo i criteri indicati dalla IUCN (Pinna et al., 2012). È localizzata all’interno di 14 aree SIC della Regione Sardegna, all’interno di 2 zone umide tutelate dalla Convenzione di Ramsar (Stagno di Molentargius e Stagno di S’Ena Arrubia), all’interno del “Parco Regionale di Molentargius - Saline di Cagliari” (LR 5/99) e del “Parco Regionale di Porto Conte - Capo Caccia” (LR 4/99). Alcuni popolamenti sono inclusi in 10 siti d’importanza internazionale per le piante (IPAs), individuati per la Sardegna (Blasi et al., 2010).
Scheda monografica a cura di Stefania Pisanu e Rossella Filigheddu UNISS

Principali riferimenti bibliografici:

• Arrigoni P.V., 1980 – Le piante endemiche della Sardegna: 61-68. Boll. Soc. Sarda Sci. Nat., 19: 217-254.

• Bacchetta G., 2001 – Linaria flava (Poiret) Desf. subsp. sardoa (Sommier) Arrigoni. In: Pignatti S., Menegoni P., Giacanelli V. (Eds.), Liste rosse e blu della flora italiana. ANPA. Roma. —, 2006 – Flora vascolare del Sulcis (Sardegna Sud-occidentale). Guineana, 12: 1-369.

• Bacchetta G. & Pontecorvo C., 2005 – Contribution to the knowledge of the endemic vascular flora of Iglesiente (SW Sardinia-Italy). Candollea, 60(2): 481-501.

• Bagella S., 1985 – Indagini floristiche e fenologiche sulle coste settentrionali della Sardegna: la spiaggia del Liscia. Boll. Soc. Sarda Sci. Nat., 24: 171-206.

• Bartolo G., Brullo S., De Marco G., Dinelli A., Signorello P., SPAMPINATO G., 1992 – Studio fitosociologico sulla vegetazione psammofila della Sardegna meridionale. Coll. Phytosoc., 19: 251-273.

• Blasi C., Marignani M., Copiz R., Fipaldini M., DEL VICO E. (Eds.), 2010 – Le Aree Importanti per le Piante nelle Regioni d’Italia: il presente e il futuro della conservazione del nostro patrimonio botanico. Progetto Artiser, Roma.

• Bocchieri E., Iiriti G., 2007 – Nuovi dati sulla presenza di habitat e specie vegetali di interesse comunitario in alcuni Siti d’Importanza Comunitaria del Sarrabus-Gerrei (Sardegna sud orientale). Fitosociologia, 44(2) (suppl.1): 207-211.

• De Martis G. & Mulas B., 2008 – La flora del Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline: stato attuale e confronto con le situazioni preesistenti. Rend. Sem. Fac. Sci. Cagliari, 78(2): 1-123.

• Filigheddu R., Farris E., Pisanu S., Navone A., 2011 – Analisi geobotaniche nell’Area Marina Protetta di Tavolara - Punta Coda Cavallo (Sardegna NE) a supporto della gestione della biodiversità. Studi Trent. Sci. Nat., 89: 133-135.

• Paradis G., Piazza C., Lorenzoni C., 1995 – Chorologie et synécologie en Corse d’une endemique cyrno-sarde rare Linaria flava subsp. sardoa (Scrophulariaceae). Estimation des menaces pesant sur elle. Acta Bot. Gallica, 142(7): 795-810.

• Pinna M.S., Fenu G., Farris E., Fois M., Pisanu S., Cogoni D., Calvia G., Bacchetta G., 2012. Linaria flava (Poir.) Desf. subsp. sardoa (Sommier) A. Terracc. Schede per una Lista Rossa della Flora vascolare e crittogamica Italiana. Informatore Botanico Italiano, 44 (2): 405-4100.


puffinus