logo_puffinus

Le isole minori

Molara è la seconda isola dell’AMP di Tavolara per superficie, con 3,4 km quadrati di estensione e un perimetro costiero di otto. Molara è un’isola caratterizzata dai tipici graniti rosa della costa gallurese, ricca di insenature e con una rigogliosa vegetazione mediterranea con olivastri e ginepri. Ospita circa trecento coppie di berte minori e in passato hanno nidificato sulla costa anche i gabbiani corsi, che negli ultimi anni sembrano preferire lo scoglio di Molarotto.



Molara.



Le piscine di Molara.

Isola Piana


Fra le altre isole che compongono l’arcipelago di Tavolara, la più estesa è l’isola Piana, con 14 ettari di superficie e una zona umida permanente.



Isola Piana.

Su questa piccola isola sono state individuate 250 entità vegetali, compresa un’importante stazione disgiunta di Limoniastrum monopetalum, conosciuta in Sardegna soltanto per l’area attorno al Golfo di Olbia e alla Foce del Rio Padrongianus. Insieme all’isola dei Cavalli e all’isola del Reulino è stata ceduta dalla Regione Sardegna in concessione trentennale al Consorzio di gestione dell’ AMP Tavolara Punta Coda Cavallo.



Limoniastrum monopetalum


Isola dei Cavalli


Isola del Reulino

Fra le altre piccole isole, undici in tutto, Molarotto è la più distante dalla costa e ospita una sottospecie endemica della lucertola tirrenica Podarcis tiliguerta ranzii.